NEWS

40 anni di sistema di tubature

 

Un’idea brillante

Gerhard Rosenberg ha sviluppato il primo sistema di tubazioni saldabili in polipropilene 40 anni fa

40 anni fa Gerhard Rosenberg ha rivoluzionato il mercato delle tubazioni e allo stesso tempo ha gettato le basi per il successo imprenditoriale di aquatherm: nel 1981 ha sviluppato il primo sistema di tubazioni saldabili al mondo in polipropilene plastico e ha reso in breve tempo “fusiotherm” un grande successo.

Nelle sue stesse parole, Gerhard Rosenberg racconta il percorso non sempre facile verso il nuovo sistema:

“Per un po’ di tempo ho pensato tranquillamente a un sistema di tubi completamente nuovo. Durante i nostri viaggi all’estero, abbiamo visto che non ovunque c’è una rete di acqua potabile così ben sviluppata come in Germania. Nei bagni giordani, le pareti erano coperte per nascondere i tubi d’acciaio che portavano direttamente al tetto. C’erano enormi serbatoi d’acqua che venivano regolarmente riempiti. Se un serbatoio si svuotava, l’ossigeno entrava nei tubi, che in combinazione con l’acqua portava alla corrosione. I tubi d’acciaio cominciarono ad arrugginire, i tubi divennero bucati, l’acqua scorreva dietro i rivestimenti su larga scala. In breve, la qualità dell’acqua divenne sempre peggiore.

Durante le mie visite in Giordania, mi sono reso conto che dovevamo affrontare il problema dei tubi di plastica nel settore sanitario. Tuttavia, da un’idea alla sua realizzazione la strada è lunga – l’ho imparato dalle mie prime invenzioni. Avevamo già esperienza nella produzione di tubi, ma per un tale sistema avevamo anche bisogno dei raccordi giusti e di una tecnica di collegamento che fosse facile e veloce da gestire in cantiere.

Un grande aiuto nello sviluppo del tubo di plastica è stata l’azienda Hüls, specialmente l’ingegnere Helmut Klawitter, che ora è il nostro responsabile. Spesso stavamo insieme nel laboratorio e ci consultavamo a lungo. Nel frattempo, i test sul nostro nuovo tubo di riscaldamento hanno dimostrato che soddisfa anche le norme per l’acqua potabile. I tubi erano collegati con raccordi a compressione che resistevano a una pressione massima di tre bar, che è comune nel riscaldamento. Nel settore sanitario, invece, è richiesta una pressione fino a dieci bar. Inoltre, sono necessari tubi di dimensioni maggiori perché l’acqua deve scorrere rapidamente nel lavabo, nella vasca da bagno e nel water – spesso anche contemporaneamente.

Idea: crea tu stesso delle connessioni

Alla fine ho avuto la brillante idea: perché non facciamo noi stessi le connessioni tra i tubi, cioè prese, raccordi a T e gomiti? Gli strumenti per questo non esistevano sul mercato fino ad ora, quindi abbiamo dovuto sviluppare anche quelli.

In lunghe discussioni con il nostro direttore di stabilimento Dieter Tusche e altri dipendenti, l’idea di un nuovo tipo di tecnologia di giunzione cresceva e cresceva. Abbiamo fatto piani per lo sviluppo e la produzione di nuove parti, strumenti e macchine. Ho anche chiesto a Helmut Klawitter un consiglio su quale azienda potesse sostenerci. Ci pensò un attimo e disse: “C’è l’azienda Gruber in Austria, che produceva raccordi in polibutene qualche tempo fa. Ma non ne è mai venuto fuori niente. Ma gli strumenti dovrebbero comunque esistere. Conosco il capo, lo chiamo”. Abbiamo ottenuto un appuntamento con poco preavviso, abbiamo visitato l’azienda e ordinato pezzi stampati e accessori per circa cinquantamila marchi. Il signor Gruber sorrideva, evidentemente non prendeva sul serio la nostra piccola azienda. Questo si rifletteva anche nel fatto che le consegne erano estremamente lente ad arrivare: A gennaio le prese, ad aprile i gomiti e a giugno finalmente i pezzi a T. Non potrebbe funzionare così. Ho iniziato a cercare un’azienda nella nostra regione che potesse progettare e produrre utensili. Ne ho trovato uno a Finnentrop-Weringhausen. Ho scoperto l’azienda Erwes-Reifenberg, specializzata nella costruzione di stampi di precisione. Erano già attivi nel campo degli stampi a iniezione. Ci siamo subito messi d’accordo e ho fatto costruire i primi stampi. Ora avevamo bisogno di un produttore di stampi in plastica. Ne ho trovato uno a Lennestadt-Grevenbrück: la società FM-Plast era disposta a lavorare con noi.

Unità di saldatura sviluppata insieme a LEWA

Finalmente avevamo un sistema sofisticato di tubi e raccordi, ma dovevano ancora essere uniti. Era necessaria una saldatrice. Le temperature per la lavorazione del materiale e il tipo di tecnologia di connessione ci erano note, quindi siamo stati in grado di sviluppare il dispositivo adatto insieme al laboratorio di formazione Attendorn (LEWA). Nel processo utilizzato, il tubo e il raccordo sono spinti simultaneamente su un mandrino di riscaldamento e su una presa a una temperatura di circa duecentosessanta gradi. Dopo alcuni secondi di riscaldamento, i due elementi possono essere staccati dall’unità e uniti insieme. Pochi minuti dopo il raffreddamento, il tubo può già essere caricato. Questa tecnica di saldatura per fusione ha dato al nostro sistema di tubi il suo nome significativo: fusiotherm (oggi tubo verde aquatherm)”.

GDPR Cookie Consent with Real Cookie Banner